LE CITTÀ DI SOMMERLUND, TYSO



Segue la descrizione completa di Tyso, la città sede della Flotta!
Quartieri, strade e luoghi simbolo! Entra a conoscerne i segreti.


Xb0bkfq.png


Tyso nacque come un piccolo insediamento di pescatori, fondato nel PL 3436 e situato sulla strada costiera tra Holmgard e Anskaven. Nell'antico linguaggio dei Sommerliani, la parola Tyso significa "fiore", un modo per ricordare le distese di piccoli papaveri bianchi che tappezzavano le colline e l'entroterra di quest'area molto tempo fa. Negli anni seguenti la fondazione, l'industria della pesca è diventata la risorsa principale, anche se dal punto di vista geografico la città non gode dei porti naturali delle sue immediate "rivali": Anskaven e Toran.

Nel PL 4770, il Barone di Tyso fondò la Corporazione dei Marinai e dette inizio all'addestramento del personale che avrebbe servito nella flotta di Sommerlund. Tyso ha una tradizione navale di lungo corso e stretti rapporti con gli abitanti delle Isole Kirlundin; la rinomata Accademia Navale di Tyso ha fornito più eccellenti capitani e ammiragli alla flotta di ogni altra città Sommerliana.

Nel PL 4891, il Barone Var di Tyso intraprese una radicale iniziativa che ebbe drammatiche, ma favorevoli, conseguenze per il traffico navale nel Golfo di Durenor. Guidati dal famoso capitano Jhenga, i Bucanieri Shadaki avevano stabilito una base segreta in una baia protetta nell'isola di Broka, la più settentrionale delle Kirlundin, da dove erano in grado di assalire le navi commerciali a loro piacimento. Dimostrando un’elevata arte marinaresca, e nonostante avesse meno navi dei suoi avversari, il Barone riuscì a stabilire un blocco navale portando Jhenga e i suoi uomini alla fame. Invece della morte, egli diede a Jhenga e ai suoi uomini la possibilità di abbandonare la pirateria e di unirsi alla flotta di Sommerlund come corsari al suo comando; Jhenga si dimostrò così impressionato dal rispetto e dalla considerazione dimostratagli dal Barone che lui e la sua ciurma divennero leali agenti della corona. Lettere di marca furono emanate da Re Kian II, permettendo ai bucanieri di operare nel Golfo di Durenor con bandiera Sommerliana. Essi furono molto efficaci nel tenere le rotte commerciali libere dai pirati del Mare di Kuri, che regolarmente danneggiavano i commerci lungo il Rymerift. Col tempo ai bucanieri fu concesso di abitare in città e di farsi famiglie. Essi sposarono donne sommerliane e divennero membri rispettati della comunità.

Tyso è una base militare vitale per la protezione del Golfo di Holm dagli attacchi navali. All'inizio del PL 5000, il Barone Var Kalen autorizzò l'ingrandimento del porto per facilitare l'ingrandimento della flotta stazionata qui. Nel PL 5012, l'ampliamento del porto e dei cantieri fu finalmente completato. Purtroppo, Var Kalen morì pacificamente nel sonno un mese prima della fine dei lavori, senza vedere completata la sua grande idea. Senza un erede maschio per la successione, il titolo passò al marito della maggiore delle figlie, un nobile durenese chiamato Tor Medar. In accordo con la tradizione del suo paese, egli assunse il titolo di "Siniscalco", l'equivalente durenese del titolo di Barone e, in onore alla memoria del cognato, egli chiamo le nuove installazioni "Porto Var Kalen". Come riconoscimento delle sue capacità in ambito fiscale, Re Ulnar V ha conferito al Barone Tor Medar la carica di Cancelliere del Reame nel PL 5047.

In termini architettonici, Tyso ha un design semplice. Non è eclettica e impressionante come Holmgard, e non elegante quanto Toran, ma certamente possiede un caratteristico fascino marinaresco che le dà un aspetto unico. Di giorno, i camini di pietra rilasciano sottili nuvole di fumo mentre i gabbiani gracchiano dai tetti di grigia ardesia, i loro versi che echeggiano sulle acque splendenti del porto e dei moli. Gli alti alberi della Marina Sommerliana, con le sue insegne che garriscono alla brezza marina, sono in contrasto con la piccola flottiglia di battelli da pesca ormeggiati nella parte meridionale del porto cintato.

Durante la notte, la città è illuminata da bracieri fiammeggianti posti a intervalli regolari sulle banchine e sulle strade principali. Un alto faro è situato nella parte settentrionale delle mura del porto, vicino a un promontorio di roccia. La sua potente lanterna emana un raggio concentrato di luce bianca verso l'oscuro mare. Le profonde acque circostanti sono pattugliate regolarmente da eleganti galeoni d'alto mare, molti dei quali sono comandati da cittadini di discendenza Shadaki.


Economia della città

Tyso è una città autosufficiente, le tasse e le imposte sui beni e servizi sono in grado di sostenere i costi dell'amministrazione, mentre l’attività più importante è la pesca. La flotta militare è mantenuta direttamente dalle casse reali. Al contrario di altre città di Sommerlund, qui non c'è una rete commerciale verso altri porti oltre il mare; ciò è dovuto alle limitazioni del porto, che è dominato dalle necessità della marina e della flotta di pescherecci. Esportazioni agricole e di equipaggiamenti navali specializzati, per cui il porto di Tyso è molto famoso, sono inviate ad Anskaven e Holmgard via terra. I prodotti che non sono consumati nei mercati interni sono quindi esportati da queste grandi città, in particolare verso Durenor. L'importazione a Tyso avviene anch'essa prevalentemente via terra.


Governo e leggi

Il Barone è responsabile dell'applicazione delle leggi emanate dal Re a Holmgard. Questo incarico è deferito al Lord Sindaco e da questi al Giudice Anziano, che controlla i giudici minori incaricati di amministrare la giustizia nei tribunali di Tyso. Diversamente da altre città, il tradimento è condannato con l'affogamento invece che con l'impiccagione.
I nobili minori di Tyso, ricchi e privilegiati, sono notoriamente avidi e meschini, sebbene con qualche notevole eccezione. Una grande rivalità esiste tra le antiche famiglie, che a volte sfociano in aperta ostilità. Queste liti avvengono soprattutto durante le Sessioni Provinciali, tenute regolarmente alla Cittadella. Questi incontri, il cui scopo è dare un’amministrazione efficiente alla provincia, si concludono spesso in tempi brevi a causa delle meschine liti tra i capi delle famiglie che tentano di avvantaggiarsi politicamente e territorialmente a scapito delle altre. Ironicamente sono proprio le famiglie di origini shadaki e durenesi che dimostrano grazia e moderazione durante queste accese discussioni.


Popolazione

Nel PL 5000 la popolazione è approssimativamente di 50.000 abitanti. La comunità di discendenza shadaki forma la più grande etnia straniera in città, dopo quella dei durenesi. Come il resto di Sommerlund, anche a Tyso si festeggia Fehmarn, il primo giorno di primavera, con una festa pubblica e uno speciale festival in onore della dea Ishir. A Tyso, Fehmarn è noto anche come "giorno della marina". La flotta del Golfo di Holm viene allestita e fatta sfilare per essere ispezionata dal Barone e dalla sua corte.


Le sezioni della città

La città è divisa in distretti circolari. Essi hanno centro nella Piazza della Corona d'Oro, il cuore della città, e s’irradiano fino alla barriera costituita dal muro di cinta.

u6h7fpO.png

Mappa della città: per maggiori funzionalità recatevi nella sezione approfondimenti
Li potrete navigare la mappa con comodità



Accessi 1
Porto: Sala della Confraternita dei Marinai 2 - Cantieri Navali 3 - Accademia Navale 4 - Casa Hobar 5
Cerchia dei Nobili: Piazza della Corona d’Oro 6 - Cittadella 7 - Sale dell'istruzione 8 - Teatro 9 - Biblioteca 10 - Sala Comunitaria 11 - Galleria d’arte 12
Cerchia dei Comuni
Cerchia dei Commercianti: Altare di Ishir 13 - Strada dei mercanti marittimi 14
Punta Belvedere 15
Vecchia necropoli


1 - ACCESSI

Tyso ha due grandi torri di guardia su entrambi i lati del cancello nord e un robusto barbacane di bianca pietra delle Isole Kirlundin a protezione del cancello sud.


PORTO

Il porto è diviso in due sezioni distinte: la parte settentrionale delle banchine è dedicata alla Flotta del Golfo di Holm mentre la parte meridionale è riservata alla flottiglia di navi da pesca. Solo tre moli nel centro del porto sono dedicati ai vascelli in arrivo e sono noti tra i locali come "moli degli stranieri". L'intera area del porto è pattugliata da uno speciale contingente della Guardia, la "Guardia Litoranea". In tempo di guerra essi servono a bordo delle navi come arcieri e balestrieri.


2 - Sala della Confraternita dei Marinai

Questo grande edificio di pietra, situato all'estremità meridionale del porto militare, è altro tre piani e mostra un vessillo nero e rosso su un alto pennone situato sulla sommità della sua torre circolare. L'insegna mostra un galeone sullo sfondo di un disco d'argento, con quattro corvi a ogni angolo: l'antico stendardo della flotta da pesca di Tyso. L'edificio ricorda un piccolo fortino, con parapetti merlati e una torre armata di una bombarda di Bor. Questo imponente pezzo d'artiglieria è raramente usato per contrastare i vascelli nemici, invece svolge un ruolo giornaliero nel tenere il conto delle ore. La bombarda spara tre volte al giorno, precisamente quattro ore prima di mezzogiorno, a mezzogiorno e quattro ore dopo mezzogiorno.


3 - Cantieri Navali

Un paio di grandi edifici di pietra sul bordo del mare nella parte orientale della banchina sono la sede degli uffici amministrativi dei maestri d'ascia che operano le riparazioni sui vascelli della marina e dei privati. A entrambi i lati di questi uffici si trovano dozzine di grandi laboratori in legno, dove la costruzione, la riparazione e il riallestimento delle navi prendono corpo. La flotta da pesca di Tyso è giustamente conosciuta per avere i vascelli migliori nel loro genere tra tutte le nazioni delle Terre Libere. I cantieri di Tyso si occupano anche di realizzare equipaggiamenti navali specializzati, come strumenti di navigazione. Questi vengono portati su carri a Holmgard e distribuiti nel resto del paese e verso i partner commerciali oltre il mare.


4 - Accademia Navale

Questo edificio su due piani, a forma di L, è posizionato sotto Punta Belvedere, un piccolo posto di osservazione su una scogliera a sud del porto. Qui si addestrano i migliori cadetti ufficiali della marina sommerliana. L'accademia ha una storia antica e gloriosa che risale al regno della Regina Maura II (PL 4479-4554). Nel PL 5000, a capo dell’Accademia c’è il Lord Ammiraglio della Flotta del Golfo, discendente da un’antica famiglia di navigatori.


5 - Casa Hobar

La base della Guardia Cittadina è Casa Hobar, un edificio simile a una fortezza, dotato di un dedalo di gallerie sotterrane che fungono da prigione per i delinquenti.


CERCHIA DEI NOBILI

Questa è l'area dove risiedono i cittadini più influenti. Sulle sue strade ordinate si affacciano le case della bassa nobiltà, dei ricchi possidenti e degli ufficiali di marina d'alto rango. È pattugliata giorno e notte dalla Guardia Cittadina.


6 - Piazza della Corona d'Oro

Situata al centro di Tyso, la piazza è circondata da un grande teatro, una biblioteca, un edificio in mattoni per la comunità (la Sala Comunitaria) che ospita spesso concerti e danze, una galleria d'arte e la Cittadella del Barone. Questo cuore culturale di Tyso deve la sua esistenza alla Baronessa Myrl Kalen, una patrona delle arti per tutta la sua lunga vita.


7 - Cittadella del Barone

La robusta roccaforte circolare, situata sul perimetro della piazza centrale, costituisce la sede del potere e la dimora del Barone e della sua famiglia. Essa ospita anche la Sala delle Delegazioni, dove si tengono le Sessioni Provinciali con i nobili minori. Costruita sul modello della cittadella reale di Holmgard, un’alta torre si eleva dal tetto, regalando dalla sua sommità una vista ininterrotta sulla città e sul porto. Sul suo pennone sventola la bandiera di Sommerlund e, più sotto, il vessillo personale del Barone in carica. Per accedere all'edificio bisogna superare un ponte levatoio su una profonda trincea riempita da pali di ferro acuminati. La protezione della cittadella è garantita dalla guardia personale del barone, un corpo d'élite composto da nativi della provincia.


8 - Sale dell'istruzione

Situata nella Cerchia dei Nobili, quest’università è stata creata per decreto regio nel PL 4560 durante il regno di Ulnar III, allo scopo di provvedere i più alti standard di educazione ai più promettenti uomini e donne del regno. Nei secoli, molti ex-studenti hanno avuto brillanti carriere e ottenuto posizioni importanti alla Corte Reale o nella Corporazione dei Mercanti. L'ingresso alle Sale è riservato ai meritevoli, ma i meno abbienti che superano gli esami di ammissione sono mantenuti da un fondo reale apposito, sponsorizzato dal Cancelliere della Corona Tor Medar.


9 - Teatro

L’edificio semicircolare, rivestito da pietra bianca dalle isole Kirlundin e affacciato su Piazza della Corona d'Oro di fronte alla Cittadella, è stato costruito su ordine della Baronessa Myrl Kalen nel PL 4995. Il teatro può ospitare oltre 500 spettatori e ha una compagnia di attori permanente, oltre ad ospitare intrattenitori da altre nazioni, in particolare da Clotundia e Durenor.


10 - Biblioteca

Vicino al teatro, si trova la biblioteca pubblica di Tyso. Costruita con un granito ricco di quarzo importato via terra da Toran, è stata realizzata nello stesso anno del teatro per volere della Baronessa Myrl Kalen. La biblioteca contiene centinaia di migliaia di volumi, molti dei quali dedicati alla storia di Sommerlund e Durenor.


11 - Sala Comunitaria

Questo edificio a due piani costruito in mattoni è ad uso dei cittadini come spazio comunitario e ospita regolarmente danze e concerti pubblici.


12 - Galleria d’arte

L’edificio circolare di pietra bianca situato in Piazza della Corona d’Oro vicino alla Sala Comunitaria è stato costruito su volere della baronessa Myrl Kalen nel PL 4997 per ospitare una collezione d'arte che comprende sculture, quadri, bronzi e ceramiche provenienti da Sommerlund e Durenor.


CERCHIA DEI COMUNI

Tra le aree residenziali della città, questa è la più affollata e luogo di dimora dei cittadini comuni e degli artigiani meno importanti del porto. Le case sono realizzate con una grande varietà di pietra e legno e, sebbene disordinato, il quartiere ha un suo fascino. Diversamente da altre aree residenziali a Sommerlund, qui c'è abbastanza spazio per tutti i residenti senza che siano accatastati l'uno sull'altro. La Guardia Cittadina pattuglia le strade principali, ma non frequentemente.


CERCHIA DEI COMMERCIANTI

Adiacente alle residenze, in quest'area della città vivono i commercianti, i lavoratori dei negozi e i carpentieri più abili. Le case sono generalmente più grandi rispetto a quelle dei comuni cittadini e meglio costruite. I carpentieri sono particolarmente orgogliosi delle decorazioni delle facciate delle case, che usano come dimostrazione della loro abilità.


13 - Altare di Ishir

Quest’altare, dedicato alla dea della luna, è posto di fronte alla Confraternita dei Marinai, al termine della Strada dei Mercanti Marittimi. La dea è rappresentata da una statua di bronzo lucidato, nelle fattezze di una bella donna dai tratti sommerliani, avvolta da raffinati abiti e con una luna sostenuta nelle sue mani a coppa. Per i pescatori di Tyso è una tradizione baciare i piedi della statua prima di levare le ancore, ad invocare la protezione e benedizione della dea.


14 - Strada dei mercanti marittimi

Quest’ampia strada taglia in due la Cerchia dei Commercianti, collegando la porta meridionale con il porto. E' un luogo molto trafficato con negozi e mercanti di strada in stretta competizione.


15 - Punta Belvedere

Una piccola rupe panoramica a sud del porto, vicino all'Accademia Navale, garantisce un perfetto punto di osservazione verso il mare e la città. In tempo di guerra qui s’installa una stazione di guardia per controllare gli approcci su Tyso e verso il Golfo di Holm.


VECCHIA NECROPOLI

Quest’antico luogo di sepoltura è situato nella parte nord-ovest della Cerchia dei Comuni, vicino alle mura cittadine. E' un luogo visitato molto raramente dai cittadini. Una distesa di terreno irregolare circonda l'area, racchiusa da un alto muro perimetrale coperto di muschio. Ci sono due entrate alle catacombe sotterranee - un cancello meridionale e un arco a occidente. Realizzata in origine come sepoltura per i resti dei nobili poco dopo la fondazione della città, si scoprì secoli dopo che essa era stata edificata sopra un'antica necropoli sotterranea, di molto antecedente l'arrivo dei sommerliani. Per secoli voci popolari hanno raccontato della presenza di spiriti maligni appartenenti a una razza dimenticata, che vagavano tra le rovine dell’antica necropoli. Dal PL 4840 nessuno è stato più sepolto qui, perciò il sito è caduto in rovina.

Creato da Wild Wolf