JOE DEVER'S LONE WOLF - THE SHIANTI HALLS


Scappati da Rockstarn e attraversata la foresta Sommersa, ci ritroviamo impavidi ad affrontare le insidie nascoste nell'antico Tempio Shianti, il nostro nuovo obiettivo!
A questo punto dell'avventura, potremo disporre di un eroe e di equipaggiamenti degni di nota! Anche battaglioni di Giak e Drakkar o due Gourgaz corazzati difficilmente potranno fermare la potenza di Lupo Solitario!
Esplorando le rovine che un tempo facevano da dimora a un culto di Negromanti Shanti, avremo modo di scoprire i molti misteri che si celano in questi luoghi.
La nuova zona di gioco ci offre la possibilità di esplorare interamente il complesso del tempio senza però permetterci di fare molte deviazioni di percorso. Personalmente sento la mancanza di qualche bivio o la possibilità di scegliere strade diverse per arrivare alla fine dell'avventura!
Man mano che ci addentreremo nei meandri di questa antica costruzione, dovremo affrontare nemici sempre più temibili ed enigmi che metteranno a dura prova la nostra bravura e pazienza (vedi il cubo Shianti, in questo capitolo fa da padrone con combinazioni degne del tasto "prosegui").
I combattimenti sono molti e i nemici ancora di più! Orde di creature delle Tenebre cercheranno di bloccare il nostro eroe... Dai semplici Giak ad astuti Vordak! Il tutto condito da una superba ambientazione che Dever sa trasmetterci con maestria!
Come detto in precedenza, Lupo Solitario a questo punto della storia possiede praticamente tutte le abilità disponibili. Anche grazie a potenti manufatti e tesori che troveremo durante questo terzo atto, avremo modo di equipaggiare oggetti che renderanno il nostro alter ego una vera e propria macchina da guerra! Senza contare l'utilizzo dell'ultimo bonus della Spada del Sole, che combinato alla potenza guerriera del nostro Cavaliere Kai fa si che nessun nemico riesca a contrastare le nostre azioni! La trama in questo libro tocca probabilmente il suo apice, facendoci scoprire chi si cela dietro l'attacco al villaggio di Rockstarn! Avremo finalmente un nome, un nemico da trovare e sconfiggere! E ovviamente avremo Leandra, che, con tutta la sua buona volontà cercherà come al solito di metterci in difficoltà grazie alla sua innata spavalderia! Una nota di plauso va sicuramente alla caratterizzazione di questo personaggio che ricorda la tipica fidanzata isterica armata di machete pronta a scatenar zizzania per poi farci gli occhi dolci...
Concludendo, questo terzo atto scorre piacevolmente verso l'epilogo di questo gioco, confermando tutto l'ottimo lavoro fatto finora da Forge Reply! Esplorare un antico tempio in rovina assieme ad una pazza scatenata inseguiti e braccati da orde di nemici non ha prezzo!


Longevità wBMqj3k.pngwBMqj3k.pngwBMqj3k.png
Questo terzo atto non permette molte scelte di percorso come visto nei precedenti. L'avventura procede linearmente, con pochi svincoli riguardo l'esplorazione.

Difficoltà wBMqj3k.pngwBMqj3k.pngwBMqj3k.png
In modalità normale, con un Lupo Solitario divenuto quasi un Dio, non abbiamo avuto difficoltà nel spazzar via dal nostro cammino Vordak, Gourgaz o battaglioni di Drakkar e Giak.

Ambientazione wBMqj3k.pngwBMqj3k.pngwBMqj3k.pngwBMqj3k.png
Il tempio degli Shianti è un luogo che racchiude infiniti misteri. La resa dell'ambientazione che ci regala Dever è superba! Ad ogni passo sembra celarsi un pericolo, nascosto tra le rovine di questo antico luogo di culto.

Grafica wBMqj3k.pngwBMqj3k.pngwBMqj3k.pngwBMqj3k.pngwBMqj3k.png
Location e animazioni come al solito portano il marchio d'eccellenza di Forge Reply. Ottima la resa grafica del Vordak, la new entry di questo nuovo capitolo dell'avventura!

Audio wBMqj3k.pngwBMqj3k.png
Siamo al terzo capitolo e ancora i filmati di apertura e chiusura Atto sono in inglese!

Totale wBMqj3k.pngwBMqj3k.pngwBMqj3k.pngwBMqj3k.png
Poteva essere un 5 stelle, con qualche possibilità di esplorazione in più e l'audio tradotto in italiano!


Nota: il gioco è stato provato su Tablet Mediacom S2, OS 4.1 Android, Dual Core 1,5 Ghz
(senza riscontrare nessun problema audio, video o crash vari)

Recensione di Tzor