RUNA DI GUERRA


Dopo una lunga assenza, ritorniamo alla amate Terre Tormentate. A quanto pare Lord Vandyan di Eldenora ha ritrovato le Rune di Agarash e ha evocato i Vorka; con la forza di questi antichi rettili guerrieri egli ha rapidamente conquistato le terre circostanti di Delden, Magador e Salony, mentre nel Lyris Varetta è sotto assedio. Vista la gravità della situazione, Lupo Solitario prende la decisione di portare i Ramas alla guerra! Giunti a Quarlen con l'esercito, scopriremo (con un'iniziale delusione) che non accompagneremo in battaglia i nostri confratelli; infatti la nostra missione consisterà nell'infiltrarsi segretamente a Duadon e distruggere le Rune. Passare attraverso le terre occupate dagli eldenoriani presenta notevoli insidie; saremo presto obbligati ad abbandonare la barca e ad affrontare il nostro primo Vorka. Raggiunta la terra di Slovia, rivedremo Tekaro, trovandola occupata dagli eldenoriani. Per proseguire la missione saremo costretti ad attraversare gli accampamenti nemici con il rischio costante di venir scoperti. Infine, dopo una terrificante avventura nella foresta di Gronchod, entreremo a Duadon. Dopo aver trovato con una certa fatica gli agenti di Gwynian, riusciremo ad entrare nel Teschio di Tor (la cittadella di Duadon) attraverso antichi e dimenticati tunnel sotterranei. Dopo aver assistito ad un consiglio di guerra, ci metteremo alla ricerca delle Rune. Una volta trovata la sala che le custodisce, dovremo scegliere quale Runa distruggere per prima: distruggendo quella dei Vorka, dovremo combattere Zorkaan mentre se distruggeremo la Runa di Zorkaan dovremo affrontare un'orda di Vorka. In ogni caso finiremo con il distruggere tutte le Rune, evitando anche l'evocazione dei Vaag, per poi lanciarci in una precipitosa fuga. Non riusciremo però a lasciare la città immediatamente; saremo costretti per qualche giorno a subire la caccia all'uomo lanciata da Vandyan nel tentativo di catturarci. Sfuggendo all'estremo tentativo di cattura fuori Duadon, finalmente potremo raggiungere la salvezza.


Longevità wBMqj3k.pngwBMqj3k.pngwBMqj3k.png
Dopo molte avventure in giro nel sud, ritorniamo alle familiari località delle Terre Tormentate; l'ambiente familiare e una scrittura buona, anche se a tratti prolissa, incentivano la rilettura.

Difficoltà wBMqj3k.pngwBMqj3k.pngwBMqj3k.png
Nella media, anche se combattere Zorkaan può essere molto impegnativo. Ci sono alcune morti istantanee ed è importante la scelta delle Arti Superiori giuste per evitare alcune situazioni molto pericolose.

Ambientazione wBMqj3k.pngwBMqj3k.pngwBMqj3k.pngwBMqj3k.png
Il fascino delle Terre Tormentate non può lasciare indifferenti i veterani della serie. Ma a parte questo effetto nostalgia, il libro è comunque ben scritto e i paragrafi sono coinvolgenti. Sia la parte del viaggio fino alla città, sia lo sviluppo all'interno della stessa sono molto ben scritti e offrono diversi spunti interessanti.

Totale wBMqj3k.pngwBMqj3k.pngwBMqj3k.png
Insieme al libro successivo, siamo di fronte ai due migliori titoli del ciclo del Nuovo Ordine Ramas. Il viaggio attraverso le terre occupate, gli accampamenti militari e le città sono ben dettagliati e scritti a livello dei migliori libri della serie. Anche se ci sono tanti paragrafi descrittivi lunghi e prolissi, c'è un buon bilanciamento generale che rende il libro piacevole.

Recensione di Wild Wolf