LA PROFEZIA DI VASHNA



Poche sono le notizie che giunsero all'orecchio umano riguardo questa Profezia.
Grazie all'aiuto dei Maghi della Confraternita della Stella di Cristallo, siamo riusciti a trovare queste frammentarie informazioni.
Celate tra storia e leggenda, le parole di questo scritto hanno scatenato il fervore delle più sanguinose crociate intraprese dai Signori delle Tenebre!



vxWAU3r.png



LA STORIA RACCONTA...


La creazione dell'Ordine Ramas è giustamente considerato dai Signori delle Tenebre come il tentativo di Ishir e Ramas di sventare i loro piani attraverso la formazione di un gruppo di mortali non legati a legge divina.
I poteri donati dagli Dei della Luce a questi cavalieri li rendono particolarmente adatti ad agire contro Naar ed i suoi agenti,
rendendoli una delle poche forze sul Magnamund capace di contrastare direttamente la minaccia del male.
Ad aggravare la loro "pericolosità" c'è un arma, la Spada del Sole.
Creata da Ramas e Ishir, questa spada di oro, argento e acciaio finissimo è l'unico strumento con il potere di uccidere direttamente un Signore delle Tenebre.
Il primo che trovò la morte per mano della lama divina fu Vashna, il più potente dei venti servi di Naar.
Nessuno dei restanti fratelli ha dimenticato la lezione inflitta al loro ex Arcisignore e sapendo di non poter distruggere la spada,
hanno intrapreso una campagna contro i Ramas per tentare di distruggere l'Ordine...


La verità dell'odio che i Signori delle Tenebre provano verso i Ramas si cela dietro una Profezia che nessuno di loro avrebbe mai il coraggio di pronunciare o ricordare.
Questa Profezia fu fatta conoscere per la prima volta a Vashna, il primo Arcisignore delle Tenebre, tramite le parole di un Liganim suo servitore alla vigilia della battaglia del Passo di Moytura.
Dopo averlo ascoltato, Vashna uccise il servo e tutti coloro che vennero a conoscenza dell'accaduto,
cercando di far dimenticare le parole di quella Profezia, destinando all'oblio ogni suo verso e ogni sua rima!
Si narra che l'unica versione "registrata" della Profezia fu scritta dallo stesso Liganim che Vashna uccise.
Prima di presentarsi al cospetto del suo signore, il Liganim nascose una copia nella camera privata di Vashna stesso.
Fu Zagarna che scoprì tra le rovine dei suoi ex quartieri la pergamena di pelle umana su cui era trascritta la Profezia.
Impaurito dalle sue parole, il Signore delle Tenebre tentò più volte invano di contrastarne i versi cercando di cambiare il destino che essi preannunciavano.
Supponendo che il Lupo di cui la Profezia parla sia un Cavaliere Ramas, giurò di cacciarli e ucciderli a vista, cercando di eliminare il loro Ordine dalla faccia del Magnamund.
Furono molte le guerre che scatenò per questa causa... Purtroppo per lui, furono tutti vani tentativi!



ZMHPhEd.png
la bandiera di Vashna



Anni dopo, Gnaag, il nuovo Arcisignore di Helgedad, venne a conoscenza della Profezia
e attraverso lui la leggenda si diffuse rapidamente tra i suoi confratelli.
Come fece Zagarna che prese molto in considerazione le parole trascritte,
anche Gnaag intraprese con tutte le sue forze la crociata per cercare di cambiare il destino "annunciato" dalla Profezia.
Anche lui fallì.
Ora, solo a pochi servitori dei Signori delle Tenebre è dato conoscere l'esistenza di quest'ultima.
I loro padroni cercano di celarne il segreto, perchè sanno che se i fatti descritti da questo scritto raggiungessero le forze della Luce,
rafforzerebbero la loro fede e il loro credo dandogli un grosso vantaggio nella suprema lotta tra bene e male.



Non si sa come i Maghi di Toran riuscirono a recuperarne i versi. Ecco la profezia giunta a noi mortali, tradotta dalla lingua delle tenebre...



"Nell'ora del cuore di tenebra giunse la Spada del Sole.
Tra due grandi montagne, una battaglia è persa.
Il Re nero cadrà per mano del Re bianco,
E perso nelle profondità delle fauci del mondo sarà.
Sul campo di battaglia, un'Aquila volerà vittoriosa.
Guidata da una vecchia tradizione, egli cercherà le parole della Luce.
L'Aquila tornerà alla sua terra natale,
E molti nasceranno dalla sua saggezza.
I figli dell'Aquila alzeranno le loro ali al sole.
E con la luce della luna, essi cacceranno il buio.
La terra dei venti mali diminuirà il suo dominio,
Grazie alla potenza di quattro cerchi.
Il cerchio di Fuoco brucerà le progenie delle tenebre.
Quello di Luce rivelerà la verità.
L'anello di Solaris circonderà l'occhio,
Il cerchio dello Spirito si dimostrerà più forte di qualsiasi ombra.
Con il passare di un'età Xagash, il male sarà di nuovo forte.
Le terre del sole e della luna conosceranno la paura.
Le forze della terra oscura saranno al loro massimo potere,
E tutto sarà pronto per la festa di sangue.
Poi si alzerà l'ululato di un lupo nella notte.
Da una tana in rovina egli verrà solo.
In primo luogo egli porterà luce ad un signore oscuro,
Poi chiuderà l'Occhio per sempre.
Questo è l'araldo della fine per coloro che siedono nell'ombra.
L'età delle tenebre ha raggiunto la sua ultima ora.
Il sole è stato negato troppo a lungo e quando splenderà nuovamente,
La Spada del Sole terminerà il regno di tenebra."




A distanza di molti anni, le parole che il Liganim trascrisse risultarono veritiere.

creato da Tzor